L'ambiente nella teoria economica classica

L'economia classica dei primi anni dell'ottocento è la prima base di confronto per qualsiasi teoria economica. Gli economisti "classici" credevano nel ruolo del mercato come fondamento ineliminabile della crescita economica. Il mercato avrebbe infatti distribuito meriti ed efficienza generando ricchezza per tutti.

Con il concetto della "mano invisibile" Adam Smith fu il primo a riconoscere la capacità del mercato di giungere a una situazione di equilibrio in modo naturale e senza intervento pubblico da parte dello Stato.

Questa visione ottimistica del mercato è ben evidente negli studi degli economisti classici del tardo settecento e del primo ottocento. Tuttavia, questa conclusione teorica non deve comunque trarre d'inganno. I classici distinguevano tra una situazione di breve e di lungo periodo.

  • Il breve periodo. È l'equilibrio del mercato in un arco temporale limitato ( giorni, mesi o pochi anni ).
  • Il lungo periodo. È l'equilibrio tendenziale del mercato in un arco temporale molto lungo ( diversi decenni ).

La fiducia dei classici nei confronti del mercato si collocava solo in un contesto di breve periodo. Nel lungo periodo, invece, secondo i classici l'economia era destinata a raggiungere uno stato stazionario coincide con il livello di mera sussistenza da parte di tutti. Pertanto, in una situazione di lungo periodo i classici erano pessimisti.

lo stato stazionario nel lungo periodo

Il pessimismo nel lungo periodo

La ragione della visione negativa nel lungo termine era la piena consapevolezza delle risorse naturali come entità scarse e limitate, ovvero come un'insieme finito di elementi. La crescita economica nel lungo periodo avrebbe raggiunto il limite dell'insieme delle risorse naturali causando un freno alla crescita. Il punto di vista "pessimistico" dei classici nel lungo periodo è ben espresso negli studi di Thomas Malthus e di David Ricardo. Malthus e Ricardo osservarono i vincoli posti dall'ambiente in termini di limitatezza delle terre fertili coltivabili.


https://www.ecoage.it/ambiente-nella-teoria-classica.htm







Chi Siamo |  Disclaimer  | Bibliografia del sito | privacy | Email: info@ecoage.it
by www.ecoage.it - Ecoage - PIVA 09286581005