Home |

EFFETTO SERRA

L'effetto serra è il fenomeno di riscaldamento globale del nostro pianeta dovuto alla presenza di alcuni gas nell'atmosfera terrestre. In particolar modo, anidride carbonica (CO2), metano e vapore acqueo. Grazie all'effetto serra naturale il clima sulla Terra è ospitale per la vita e la temperatura media si attesta intorno ai 15°C. Se non ci fosse l'effetto serra, la temperatura media del nostro pianeta sarebbe pari a -15°C, molto inferiore al punto di congelamento dell'acqua, e le condizioni di vita sarebbero proibitive per gran parte delle specie viventi.

Spiegazione. I gas serra presenti nell'atmosfera terrestre filtrano le razioni solari più nocive per la salute umana e ostacolano l'uscita delle radiazioni infrarosse. I raggi solari sono in parte riflessi verso l'alto dalla crosta terreste, in parte sono assorbiti dalla Terra e riemessi verso l'alto sotto forma di raggi infrarossi (IF) ossia di calore. Nella rappresentazione di ecoage sono i raggi di colore arancione. Successivamente una parte dei raggi infrarossi rimbalza di nuovo verso il basso, grazie alla presenza dei gas serra in atmosfera. In questo modo il calore del pianeta non si disperde del tutto nello spazio e la temperatura media sulla Terra è più alta.

spiegazione dell'effetto serra naturale

Tuttavia, l'effetto serra è anche un problema ambientale. Quando il surriscaldamento globale diventa eccessivo, il surriscaldamento globale mette a rischio l'equilibrio degli ecosistemi e della biosfera. Per comprenderlo, occorre distinguere l'effetto serra naturale dall'effetto serra antropico, quello dovuto all'attività umana, che innalza ulteriormente la temperatura media sul nostro pianeta oltre i livelli normali.

Tipi di effetto serra

Esistono due tipologie di effetto serra:

  • L'effetto serra naturale. È il sistema di regolazione della temperatura dovuta alla presenza naturale dei gas serra nell'atmosfera. È il fenomeno naturale che riscalda la Terra e rende possibile la vita sul nostro pianeta. L'ambiente rilascia nell'atmosfera la CO2 tramite il mondo vegetale, la decomposizione organica, il vulcanismo, ecc.

    La quantità di CO2 rilasciata dall'ambiente è dieci volte superiore rispetto a quella antropica prodotta dalle attività umane. Tuttavia, la CO2 "naturale" è immediatamente riassorbita dall'ecosistema tramite la fotosintesi clorofilliana delle piante. Quindi, l'effetto serra naturale resta in equilibrio nel tempo, in assenza di shock naturali estremi dovuti al vulcanismo.

  • L'effetto serra antropico. È causato dall'eccessiva presenza di gas serra nell'atmosfera, dovuta al rilascio di emissioni di CO2 e metano dalle attività umane ( industria, agricoltura, allevamento, trasporti ). La presenza dei gas serra antropici innalza ulteriormente la temperatura media sul pianeta, mettendo a rischio la stessa vita sulla Terra. Il surriscaldamento globale ( global warming ) è uno dei principali problemi ambientali della nostra epoca storica.

    L'incremento delle emissioni di gas serra antropogeniche comincia nel XIX secolo dopo la prima rivoluzione industriale a causa del massiccio utilizzo del carbone come combustibile nell'industria, nei trasporti e nel riscaldamento domestico. Nel XX secolo cresce esponenzialmente con l'invenzione dell'automobile, l'utilizzo delle benzine e dei derivati del petrolio e la produzione di energia elettrica. Nel '900 secolo le emissioni antropiche di CO2 in atmosfera sono aumentate del 40% a causa della combustione del petrolio, del metano e del carbone nei trasporti, nel riscaldamento domestico, nella produzione industriale e di energia elettrica. Nell'ultimo secolo sono aumentate esponenzialmente anche le emissioni di metano, altro gas serra, dovuto agli allevamenti intensivi. Si stima che negli ultimi due secoli le emissioni di CO2 siano crescite del 30% mentre quelle di metano del 200%.

Nel corso degli ultimi decenni la temperatura media sulla Terra è crescita. Tuttavia, il problema del global warming è ancora più grave rispetto a ciò che finora si è visto, se si considera che l'anidride carbonica resta in sospensione nell'atmosfera per almeno cento anni prima di ricadere al suolo. Gli effetti si cumulano e le conseguenze sull'ambiente sono discontinue ma irreversibili. La Terra è un sistema complesso e le conseguenze sono simili a un sistema caotico, piccole variazioni iniziali portano a grandi sconvolgimenti nel corso del tempo. Oggi gli effetti del global warming sono visibili soltanto sotto forma di fenomeni meteo più estremi ( es. uragani, tempeste e inondazioni ), scioglimento dei ghiacci polari e desertificazione. Le conseguenze nel lungo periodo sono però peggiori, perché rischiano di mettere in crisi l'equilibrio dell'ecosistema su cui si basa la stessa vita sul nostro pianeta.

Le cause del global warming

Le principali cause del surriscaldamento climatico del pianeta dovuto all'effetto serra sono le seguenti:

  • Uso dei combustibili fossili da parte dell'uomo. Il sistema economico contemporaneo si basa principalmente sullo sfruttamento delle risorse fossili ( carbone, petrolio, gas naturale ). La combustione delle risorse fossili rilascia in atmosfera una quantità aggiuntiva di CO2 rimasta imprigionata per milioni di anni nel sottosuolo.
  • La deforestazione. L'espansione agricola e urbana nelle zone forestali sta riducendo il polmone verde del pianeta e accelerando la desertificazione. La deforestazione riduce la capacità naturale dell'ambiente di assorbire la CO2 tramite la fotosintesi clorofilliana delle piante, minando la stabilità dell'equilibrio ecologico.

Il Protocollo di Kyoto

Il problema dell'ambiente serra è noto dagli anni '70-80. Negli anni '90 la comunità internazionale ha tentato di ridurre l'emissione dei gas serra tramite un accordo vincolante per i paesi firmatari detto Protocollo di Kyoto. I paesi si impegnavano entro il 2012 a ridurre del 5,2% le emissioni di gas serra rispetto ai valori del 1990. Tuttavia, pur essendo stato firmato a Kyoto (Giappone) nel 1997 da tutti i paesi sviluppati, negli anni successivi alcuni grandi paesi ( es. USA ) non hanno ratificato il protocollo. Inoltre, i paesi in via di sviluppo o emergenti erano stati esclusi dall'accordo fin dall'inizio per non pregiudicare il loro decollo economico. Per queste ragioni il Protocollo di Kyoto può dirsi fallito secondo ecoage. Al momento, malgrado i ripetuti tentativi, non c'è ancora un accordo quadro internazionale che coinvolga e obblighi tutti i paesi industriali alla riduzione delle emissioni di gas serra, bensì soltanto impegni volontari sottoscritti dai singoli stati.


https://www.ecoage.it/effetto-serra.htm







Chi Siamo |  Disclaimer  | Bibliografia del sito | privacy | Email: info@ecoage.it
by www.ecoage.it - Ecoage - PIVA 09286581005