PRODUZIONE IDROGENO

La "Rivoluzione H" o di "Era dell'idrogeno" identifica il prossimo scenario futuro in cui il mondo dovrà fare a meno del petrolio. E' fondamentale partire da un primo semplice concetto: l'idrogeno non è una fonte di energia bensì un "vettore" di energia, una sorta di sistema adatto per trasportare e conservare l'energia. L'energia elettrica è infatti difficilmente immagazzinabile e deve essere utilizzata immediatamente. Trasformando l'energia per produrre idrogeno è possibile "confezionarla" per consumarla successivamente. Si parla di produzione di idrogeno in virtù del fatto che l'idrogeno non si trova facilmente allo stato puro ma quasi sempre legato ad altri elementi chimici come l'ossigeno o il carbonio. Pur essendo l'elemento chimico più diffuso in natura e nell'universo l'idrogeno "pronto all'uso" non si trova facilmente sulla Terra. Deve essere prodotto. Come produrre idrogeno? Si possono percorrere due strade:

1) Si può estrarre l'elemento H dai combustibili fossili tramite il processo di "reforming". Il gas naturale e il carbone posti in un catalizzatore ad alte temperature scindono gli atomi di idrogeno da quelli di carbonio. E' un processo fattibile già nell'immediato ma ha come handicap la produzione di emissioni di scarto inquinanti (CO2) .

2) Tramite il processo dell'elettrolisi. L'energia elettrica in una massa d'acqua divide gli atomi di idrogeno da quelli di ossigeno. L'operazione richiede una grande quantità di energia elettrica e non è ancora stata utilizzata su scala industriale in quanto implica costi di produzione molto elevati. Rispetto al reforming ha il pregio di non essere inquinante. Per questo motivo molti paese stanno riconsiderando nel lungo periodo l'uso del nucleare o delle energie rinnovabili (eolico, solare, biomasse, idrica ecc.) per produrre idrogeno.


02/01/2006


https://www.ecoage.it/produzione-idrogeno.htm









Chi Siamo |  Disclaimer  | Bibliografia del sito | privacy | Email: info@ecoage.it
by www.ecoage.it - Ecoage - PIVA 09286581005