Ambiente sviluppo ecologia e risparmio
Focus: Eolico | Fotovoltaico | Geotermia | Biomasse | Nucleare | Biocarburanti | Idrogeno |


    Ecoage  








 

 


Crescita demografica

Uno dei fattori determinanti dei problemi ambientali e sociali del nostro pianeta deriva dalla crescita demografica. Non si tratta tuttavia di un fenomeno recente bensì di una crescita progressiva cominciata con l'umanità stessa.

La popolazione dal neolitico ad oggi

Nel Neolitico la popolazione mondiale era stimata a 10 milioni di persone. Circa 200-300 milioni durante l'impero romano. Neanche durante i secoli buii (per l'Europa) del medioevo il trend demografico mondiale ha rallentato la sua corso, fino a raggiungere 500 milioni di persone nel 1650. Da questo momento in poi qualcosa iniziò a cambiare, la lenta crescita della popolazione dei millenni precedenti mostrò una rapida accelerazione raddoppiando nel giro di soli 150 anni. Agli inizi del 1800 il pianeta raggiunse il miliardo di persone. Negli ultimi 100 anni la popolazione della Terra è passata da 1,6 miliardi a 6 miliardi di persone. Ogni anno si aggiungono 80 milioni di anime.

crescita demografica

L'aumento della popolazione non è però omogeneo nei paesi del mondo. I paesi ad elevato sviluppo tendono a invecchiare rasentando la 'crescita zero', quelli in via di sviluppo registrano una vera e propria esplosione demografica a seguito di elevati tassi di natalità e al calo di quelli di mortalità. I ritmi di crescita stanno rallentando, pur restando molto elevati in Africa e in Asia. In base a una prospezione futura la popolazione mondiale potrebbe raddoppiare, arrivando a 10-12 miliardi di persone, entro il 2050.

Crescita demografica dal 1960 al 2010

  • Europa
    da 605 milioni a 733 milioni di persone
  • America settentrionale
    da 199 milioni a 344 milioni di persone
  • America meridionale
    da 217 milioni a 580 milioni di persone
  • Africa
    da 282 milioni a 1007 milioni di persone
  • Asia
    da 1793 milioni a 4251 milioni di persone
  • Oceania
    da 16 milioni a 34 milioni di persone

Come si può facilmente intuire dai dati i paesi industrializzati (Europa e America) ospitano soltanto il 15% della popolazione mondiale. I tassi demografici non sono sufficienti a garantire, in qualche caso, nemmeno il rinnovo delle generazioni (cosiddetta crescita zero). Al contrario i paesi in via di sviluppo rappresentano più di 3/4 della popolazione mondiale crescono in media del 2% l'anno. La stessa Europa a inizio secolo pesava per il 19% sulla popolazione mondiale, oggi soltanto dell'11%. Se quindi il mondo non vi sembra più quello che conoscevate negli anni '60 e '70... ebbene è vero. La popolazione mondiale è in rapido cambiamento.




Ecoage Ambiente e sviluppo

Energia e ambiente

EcoTecnologie


Bioedilizia
Pannelli solari
Fotovoltaico
Solare termico
Bioplastica

Sviluppo Sostenibile


Sviluppo sost.
Economia
Mobilità
Turismo
Agricoltura

Come risparmiare

Come risparmiare sulla bolletta

Acqua
Elettricità
Benzina
Riscaldamento
Automobili

Energia rinnovabile

Non solo petrolio, le energie alternative

eolico
fotovoltaico
geotermia
biomasse
idroelettrico

Fonti di energia

Fonti di energia non rinnovabili

Petrolio
Gas naturale
Carbone
Nucleare

Rifiuti e inquinamento

bioplastica
riciclaggio
incenerimento
elettrosmog

Ecocarburanti

idrogeno
biocarburanti
metano e GPL

Ambiente e società

Altri temi legati all'ambiente

Finanza Etica


 



 


 Chi Siamo |  Disclaimer  | Bibliografia del sito | privacy | Email: info@ecoage.it
     by www.ecoage.it - Ecoage - PIVA 09286581005