Ecoage






GEOTERMIA

La geotermia è una fonte di energia naturale, pulita e rinnovabile che sfrutta il calore del sottosuolo del pianeta ( energia geotermica ) per produrre forza vapore ed energia elettrica, oppure riscaldare l'acqua o gli ambienti interni.

Cos'è l'energia geotermica? Il nostro pianeta è attivo. Il calore aumenta man mano che si scende negli strati più profondi della crosta terrestre. In media, 30°C ogni chilometro. L'energia termica è originata dal decadimento naturale degli elementi radioattivi contenuti nella Terra. Questo gradiente termico può essere sfruttato dall'uomo tramite la tecnologia geotermica. È una delle fonti energetiche primarie che non dipende dal Sole.

l'energia geotermica

Come funziona la geotermia

Quando si scende nelle profondità del sottosuolo, la temperatura della terra cresce in media di +3°C ogni 100 metri. In alcune zone questo gradiente termico è più alto per le caratteristiche naturali del sottosuolo. Ad esempio, nei territori dove l'attività vulcanica e i fenomeni tettonici sono più forti. In queste zone geologicamente più calde è possibile sfruttare l'escursione termica anche a profondità minore con la tecnologia geotermica.

Come si forma il vapore nel sottosuolo?

Nelle formazioni rocciose permeabili l'acqua piovana o dei corsi e fiumi sotterranei entra a contatto diretto con il calore delle rocce. In alcune zone particolarmente favorevoli la temperatura può superare i 50-100°C (ecoage.it). Lo scambio di calore genera la formazione naturale di vapore acqueo che risale in superficie.

un esempio di centrale geotermica

Quando il vapore risale in superficie, viene convogliato in apposite turbine per generare l'energia elettrica. In alternativa, il calore può essere convogliato in un sistema di tubature per realizzare il riscaldamento o il teleriscaldamento degli ambienti interni (case, uffici, fabbriche, ecc. ), le coltivazioni in serra o il termalismo.

Nota. Spesso dalla centrale geotermica viene anche immessa acqua fredda nel sottosuolo per aumentare la generazione del vapore. A contatto con la roccia calda, l'acqua genera aria calda e vapore acqueo. In questo modo, si ottiene un flusso di vapore costante per far lavorare a pieno regime le turbine, senza picchi o intermittenze, e produrre calore o elettricità con continuità.

Dove è utilizzata l'energia geotermica

L'energia geotermica è sfruttata in molti paesi nel mondo. In particolar modo, nelle aree dove l'escursione termica nel sottosuolo è maggiore. Ad esempio, la tecnologia geotermica è molto utilizzata in Islanda, un paese con elevata attività vulcanica che beneficia di una grande escursione termica tra i fenomeni geotermici nel sottosuolo e il clima freddo in superficie. In Islanda, la tecnologia geotermica è impiegata su vasta scala per produrre elettricità.

La geotermia è utilizzata anche in altri paesi su scala più ridotta, nelle zone in cui l'attività termica nel sottosuolo è particolarmente alta. Ad esempio, in Italia i primi impianti geotermici sono stati realizzati in Toscana.

La centrale geotermica di Larderello. In Italia è stato realizzato il primo generatore geotermico della storia. Fu realizzato nel 1904 a Larderello in Toscana da Piero Ginori Pozzi per sfruttare il vapore proveniente dal sottosuolo. La centrale geotermica di Larderello è ancora attiva.

La più grande centrale geotermica nel mondo si trova in California e ha una potenza di 1400 MW (ecoage.it). Altre grandi centrali geotermiche sono state realizzate in Africa.

Gli impianti geotermici

La tecnologia geotermica è stata utilizzata per realizzare geotermici di grande, media o piccola scala. A seconda delle potenzialità del sottosuolo.

un esempio di centrale geotermica

La mini geotermia

Oltre alle centrali geotermiche di grandi dimensioni, nel corso del tempo sono state realizzate anche soluzioni di mini o microgeotermia. Si tratta di piccoli impianti realizzati per soddisfare il fabbisogno di un condominio, di una o poche case. Questi impianti sfruttano l'escursione di temperatura nel sottosuolo per produrre il riscaldamento o il rinfrescamento degli appartamenti. Un esempio di mini geotermia sono le pompe di calore geotermiche. È un settore della bioarchitettura molto promettente e in fase di sviluppo secondo ecoage. Tuttavia, i costi di realizzazione sono ancora elevati.

un esempio di mini geotermia

Vantaggi e svantaggi della geotermia

I principali vantaggi della geotermia sono i seguenti:

  • Energia rinnovabile. È una fonte di energia rinnovabile e non si esaurisce con l'utilizzo perché è originata da una fonte geologica di calore.

    Nota. A differenza di altre fonti rinnovabili, l'energia geotermica non è intermittente.

  • Energia pulita. La geotermia non produce inquinamento, né emissioni di gas serra. L'impatto sull'ambiente e sull'ecosistema è minimo. Pertanto, è considerata una fonte di energia pulita.

I principali svantaggi della geotermia sono i seguenti:

  • Energia alternativa marginale. L'energia geotermica può essere sfruttata soltanto in contesti territoriali limitati, dove il giacimento geotermico affiora quasi in superficie. Non può essere sfruttata se il calore geotermico si trova a medie o grandi profondità. Attualmente la geotermia soddisfa circa l'1% del fabbisogno energetico mondiale (ecoage.it). È quindi una fonte di energia alternativa, utile ma limitata.
  • Odori sgradevoli. Dalla centrale geotermica fuoriesce l'idrogeno solforato che causa l'odore sgradevole di uova marce tipica delle zone termali.
  • Impatto sul paesaggio. Una centrale geotermica non è esteticamente bella a vedersi secondo ecoage. È una struttura industriale caratterizzata da un groviglio di tubi, nuvole di vapore e potrebbe avere un impatto negativo sul valore paesaggistico del territorio. È un altro aspetto da considerare. L'impatto sul paesaggio secondo ecoage può comunque essere minimizzato tramite l'ecoarchitettura degli impianti industriali.


https://www.ecoage.it/geotermia.htm









Chi Siamo |  Disclaimer  | Bibliografia del sito | privacy | Email: info@ecoage.it
by www.ecoage.it - Ecoage - PIVA 09286581005