Colore delle nubi

Il colore delle nuvole dipende dalla condensazione del vapore acqueo contenuto nella nube. Essendo più leggera, l'aria calda tende a muoversi verso l'alto dove si raffredda a causa dell'altitudine e le molecole d'acqua si condensano in minuscole goggioline d'acqua.

Quando il vapore acqueo raggiunge la temperatura di condensazione, le molecole d'acqua iniziano a muoversi più lentamente e aumenta il numero dei legami temporanei tra le molecole. L'aggregazione delle molecole dà vita alla nube.

All'inizio del processo di condensazione le molecole del vapore acqueo si avvicinano, formando più legami temporanei tra di loro, questo dà vita alla tipica nuvola bianca. I raggi solari filtrano facilmente all'interno della nube, illuminando anche la parte inferiore, quella che noi vediamo dalla superficie terrestre.

Perché le nubi temporalesche sono scure

Quando la temperatura dell'aria in alta quota diventa più bassa, le molecole cominciano a formare tra loro molti più legami e il vapore acqueo torna allo stato liquido e si trasforma in acqua. La nube diventa più densa e non lascia più passare i raggi solari provenienti dall'alto. Le goccioline d'acqua nella nube diffondono la luce solare in tutte le direzioni, facendola indebolire.

Per questa ragione, vedendolo dal basso, un nuvolone temporalesco ci appare come una nube scura di colore grigio o quasi nera. In realtà, il colore più scuro non dipende dall'acqua. L'aspetto della nuvola è determinato soltanto dalla presenza o meno della luce solare. La parte inferiore della nube è semplicemente quella meno raggiunta dai raggi solari.

Vedendole dall'alto, quando si vola in un aeroplano in alta quota o da un satellite artificiale geostazionario, anche le nubi temporalesche ci appaiono di colore bianco, perché sono illuminate direttamente dal Sole e riflettono i raggi solari.


https://www.ecoage.it/colore-nubi.htm







Chi Siamo |  Disclaimer   | privacy & gestione cookie | Email: info@ecoage.it
by www.ecoage.it - Ecoage - PIVA 09286581005