Home | Pannelli Solari |
Ambiente sviluppo ecologia e risparmio
Focus: Eolico | Fotovoltaico | Geotermia | Biomasse | Nucleare | Biocarburanti | Idrogeno |


    Ecoage  








 

 

Pannelli solari di seconda generazione

I pannelli solari di seconda generazione sono realizzati mediante celle di silicio in film sottile. Questa nuova tecnologia utilizza una minore quantità di silicio amorfo, parzialmente sostituito con altri materiali come il tellururo di cadmio, il diseleniuro di rame e indio. I pannelli di seconda generazione hanno la caratteristica di beneficiare di uno spessore inferiore a quelli tradizionali e di una maggiore flessibilità. Queste caratteristiche consentono di ridurre il loro costo di produzione e di lavorazione rispetto all'attuale tecnologia basata sul silicio puro. Lo spessore minore permette anche di lavorare i pannelli di seconda generazione con le più economiche tecnologie laser, suddividere i pannelli in lastre più sottili e quindi produrre celle fotovoltaiche di dimensioni più piccole. I pannelli solari più sottili riducono, a loro volta, anche i costi accessori degli impianti come le strutture di allestimento. In conclusione, il costo dei pannelli solari di seconda generazione è più basso per i seguenti motivi:

  • minore impiego di silicio (risorsa scarsa)
  • costo di lavorazione dei pannelli più basso (tagli laser)
  • dimensioni ridotte e risparmio nei materiali

Dal punto di vista degli handicap i pannelli solari basati sulla tecnologia delle celle di silicio in film sottile possiedono un rendimento inferiore rispetto ai pannelli solari fotovoltaici di tipo tradizionale. Tuttavia, è probabile che la ricerca dei prossimi anni consentirà di superare l'handicap del rendimento più basso. Le dimensioni e lo spessore ridotto, unite alla caratteristica d'essere flessibili e trasparenti, consentirà alle celle fotovoltaiche sottili una progressiva crescita nell'impiego della nuova edilizia, essendo gli strati fotovoltaici installabili più agevolmente sulle superfici non piane degli edifici di nuova costruzione (es. substrato di celle fotovoltaiche sui vetri di un edificio, sull'involucro esterno, sulle tegole ecc) prevedendole fin dalla fase di progettazione dello stabile. Lo spessore ridotto delle celle di silicio in film permette di plasmare e adattare lo strato flessibile delle celle solari sulla forma dell'edificio senza eccessivi stravolgimenti della struttura architettonica. Oltre a produrre energia elettrica il substrato di celle solari fotovoltaiche contribuisce anche a rafforzare l'isolamento termico-acustico dell'edificio.


  

fotovoltaico

Fotovoltaico

Informazioni in generale

 






Ecoage Ambiente e sviluppo
 Chi Siamo |  Disclaimer  | Bibliografia del sito | privacy | Email: info@ecoage.it
     by www.ecoage.it - Ecoage - PIVA 09286581005