Home | Pannelli Solari  | Chi Siamo | Per scriverci | Speciale Pannelli Solari | English |

Ambiente sviluppo ecologia e risparmio
Focus: Eolico | Fotovoltaico | Geotermia | Biomasse | Nucleare | Biocarburanti | Idrogeno |


In questo momento
stanno leggendo Ecoage n utenti



    Ecoage  
 
Home page
Energia didattica
 








 

 


ECONOMIA POLITICA

 CORSO ONLINE DI ECONOMIA

Moltiplicatore Keynesiano

L'intera teoria keynesiana si basa su una particolare ipotesi nella funzione del consumo: considerati costanti gli investimenti privati, la spesa per il consumo è determinata da una parte autonoma A, indipendente dal reddito, e da una parte legata al reddito tramite la propensione al consumo degli individui "c".

C = A + cY

L'individuo utilizza solo in parte il proprio reddito per le spese di consumo. Ad esempio, l'80% del reddito è speso in consumi mentre la restante quota è messa a risparmio. Le spese determinano a loro volta il reddito di altri individui che, a loro volta, ne destineranno una parte in consumi e il resto a risparmio, e così via. In pratica qualsiasi incremento del reddito o delle variabili componenti genera un "effetto moltiplicativo" nella spesa superiore all'incremento iniziale. Il fenomeno è rappresentato nel "moltiplicatore keynesiano", vediamo come costruirlo:

Y = C + I

Y = A + cY + I

Y (1-c) = A + I

Y = 1 / (1-c) * (A+I)

Il moltiplicatore keynesiano è quindi 1 / (1-c). Per una propensione marginale al consumo dello 0,8 (80%) il moltiplicatore assumerà un valore pari a 5. Infatti, k= 1 / (1-c), essendo c=0,8 si avrà k= 1/(1-0,8) = 1/0,2 = 5. Il significato economico del moltiplicatore è evidente: qualsiasi incremento nella spesa C o negli investimenti I genera un incremento nel reddito nazionale cinque volte superiore all'iniziale spesa pubblica. La spesa addizionale, infatti, provoca effetti a cascata nei redditi di più individui.

 

 

 

 

ECONOMIA AMBIENTALE

ECONOMIA POLITICA
»
»
 IL MERCATO
» La curva di domanda

» La curva di offerta

»
»
»
»
»
»
 BENI PUBBLICI
» Intervento pubblico

» Beni Pubblici

» Principio della compensazione
di Hick Kaldor
 




Scrivi il tuo commento sull'argomento






Home Back Stampa Invia

 

  







   Energia e Ambiente  
 


Ecologia
Effetto serra
Focus Energia
Le rinnovabili
Energia solare

 
   EcoTecnologie  
 


Bioedilizia
Pannelli solari
Fotovoltaico
Solare termico

Bioplastica



 
   Sviluppo Sostenibile  
 


Sviluppo sost.
Economia
Mobilità
Turismo
Popolazione
Agricoltura


 
   Come risparmiare  
 

Come risparmiare sulla bolletta

Acqua
Elettricità
Benzina
Riscaldamento
Automobili

 
   Energia rinnovabile  
 

Non solo petrolio, le energie alternative

eolico
fotovoltaico
geotermia
biomasse
idroelettrico

 
   Fonti di energia  
 

Fonti di energia non rinnovabili

Petrolio
Gas naturale
Carbone
Nucleare

 
   Rifiuti e inquinamento  

 

bioplastica
riciclaggio
incenerimento
elettrosmog


 
   Ecocarburanti  

 

idrogeno
biocarburanti
metano e GPL


 
   Ambiente e società  
 

I principali temi legati all'ambiente

Finanza Etica

 

 

Altre pagine sul tema



     


     

    Ogni articolo di Ecoage può essere pubblicato su altri siti web senza chiedere la nostra autorizzazione purché sia sempre presente come fonte www.ecoage.com con link attivo.



     


     News Sostenibili | Pannelli solari  |  Chi Siamo |  Disclaimer  | Fonti e bibliografia | Bibliografia del sito | privacy | norme privacy Google |
         by www.ecoage.com - per contattarci - Ecoage English Project  - Ecoage - PIVA 09286581005