Home | Pannelli Solari  | Chi Siamo | Per scriverci | Pagina in archivio

Ambiente sviluppo ecologia e risparmio
Focus: Eolico | Fotovoltaico | Geotermia | Biomasse | Nucleare | Biocarburanti | Idrogeno |


In questo momento
state leggendo Ecoage



    Ecoage  
 
Home page
Energia didattica
 









 

 

Berlusconi apre al nucleare

L'energia nucleare torna a far parte del dibattito politico dopo venti anni di tabù forse esagerato. Il candidato premier del Popolo delle Libertà, Silvio Berlusconi, ha inserito l'energia nucleare tra le priorità nazionali. L'approccio positivo nei confronti di questa fonte di energia era già stato più volte dichiarato, finora nessuno l'aveva però promosso ad argomento di campagna elettorale. Perlomeno in senso positivo. Le posizioni del centro-sinistra non si distaccano invece da un atteggiamento critico nei confronti dell'energia dall'atomo.

Due posizioni opposte con una verità nel mezzo

Va ricordato infatti che l'energia dall'atomo è una fonte d'energia al pari di tutte le altre. Il suo ritorno può e deve giustamente tornare ad essere un argomento di scelta politica. Tuttavia, va anche ricordato che, come tutte le fonti, anche l'energia nucleare ha i suoi pro e i suoi contro, vantaggi e svantaggi da ponderare e valutare anche in chiave ecologista. Il basso impatto ambientale sui gas serra è uno dei principali vantaggi che notiamo dal nostro punto di vista. È però errato pensare che il nucleare sia la panacea a tutti i problemi italiani. Basti pensare alla scarsità di uranio disponibile sul pianeta e constatare, dati alla mano, che nel mondo l'energia dall'atomo non soddisfa più del 8% della domanda di energia primaria. Poco di più rispetto alle rinnovabili. La dipendenza dal petrolio, dal gas e dal carbone è ancora talmente preponderante che sarebbe fuorviante pensare che da sola l'energia nucleare possa affrancare l'economia e l'ambiente dal rischio di scarsità e dalle conseguenze ambientali finora provocate. Lo stesso discorso vale per le energie rinnovabili. Se quindi è ormai datato e sbagliato ostacolare il ritorno al nucleare appellandosi all'esito di un referendum votato ben 21 anni anni fa, d'altro canto è allo stesso modo errato far passare la scelta di tornare al nucleare come la soluzione finale ai problemi degli italiani. È un passo avanti, ma non una soluzione che ci autorizza a cassare del tutto il ruolo delle altre energie alternative.

Diversificazione, rinnovabili e nucleare

La parola 'diversificazione energetica' non è una novità per esperti di settore e per il mondo accademico. Per questa ragione pur essendo corretto un rilancio dell'energia nucleare anche in Italia, troviamo invece poco comprensibile la dichiarazione rilasciata dallo stesso Silvio Berlusconi contro l'energia eolica o le rinnovabili. Nucleare si, ma non solo... Del resto basta volgere lo sguardo negli States per scoprire come le rinnovabili, le fossili e il nucleare possono far parte di un sistema energetico integrato senza alcun problema di sorta.

Ecoage

20080302

Fonte dichiarazioni: Ansa






Scrivi il tuo commento sull'argomento






Home Back Stampa

 

  

ENERGIA NUCLEARE ITALIA

Energia nucleare

Il futuro del nucleare

 






     by www.ecoage.it - Ecoage - PIVA 09286581005